• Cartolibreria di via dei Mille - La Spezia
  • Pasticceria Giubea - Via Cigala, 28 - Sarzana
  • Pane e tulipani - Via Del Prione, 274 - La Spezia
  • Gelateria Nina – V.le Italia, 617 – La Spezia
  • Gelateria Concordia – V.le Italia, 699 – La Spezia
  • Pasticceria Perla di Ameglio Fulvio, p.zza Staglieno 33 Levanto.
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Pasticceria F.lli Montebello - Via Canaletto ,19 - Castelnuovo Magra (Sp)
  • Il forno di Geramano di Renzetti e c. - Piazza Vittorio Emanuele, 5 -Varese Ligure (Sp)
  • Gelateria Lully - Via dei Mille, 100 - La Spezia
  • Michelangelo Mancuso - Via Del Prione, 297 - La Spezia
  • Idea Donna - Piazza Cesare Battisti, 36 - La Spezia
  • Falagnameria Iannacone - Via greti di Durasca - Follo (Sp)

Accettate il Consiglio (30) - La senatrice nel limbo di Massimiliano Lussana

07 Marzo 2018

C'è una senatrice della Repubblica, per di più una senatrice a vita nominata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con l'atto più sacro, alto e nobile fra i poteri presidenziali, che "di fatto" è in un limbo parlamentare.

Senatrice a tutti gli effetti, ma non ancora senatrice con un gruppo parlamentare, l'annuncio del presidente Pietro Grasso in aula, l'applauso e le congratulazioni dei colleghi.

Nemmeno gli arancini alla buvette di Palazzo Madama.

Una figura giuridica che ancora non avevamo mai visto nelle diciassette legislature repubblicane e in oltre settant'anni di Repubblica Italiana.

La signora in questione si chiama Liliana Segre ed è stata nominata senatrice a vita - la quarta della storia della Repubblica dopo Camilla Ravera, Rita Levi Montalcini ed Elena Cattaneo - dal presidente Mattarella il 19 gennaio 2018, in occasione dell'ottantesimo anniversario della proclamazione delle leggi razziali in Italia, l'ora più buia della nostra storia.

Una nomina commovente e di una forza simbolica dirompente, perché Liliana Segre è una dei venticinque bambini sotto i quattordici anni sopravvissuti al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, alla sua follia, alla cancellazione dell'uomo e dell'umanità.

Quando sono entrati, vivi, i bimbi erano 776.

Ne mancano 751 e con loro i loro genitori, i loro parenti, i loro affetti. Hanno rubato tutto, persino la loro infanzia, che è la cosa più preziosa e bella che si possa avere.

Insomma, una nomina sacrosanta, quella di Mattarella.

Il problema è che, sino ad ora e con ogni probabilità sino al 23 marzo, data della prima seduta delle nuove Camere, sarà anche una sorta di nomina clandestina. Perché, contrariamente a quanto succede spesso con sedute convocate anche a Camere sciolte per annunciare decreti legge e adempimenti urgentissimi, la forza tranquilla e un po' tisanica del governo Gentiloni ha portato a non convocare praticamente più le Camere dopo lo scioglimento mattarelliano: due sedute alla Camera, una per comunicazioni del presidente e una per la relazione sulle missioni internazionali, il 9 e il 17 gennaio, e una sola al Senato, anche stavolta per comunicazioni presidenziali.

Quindi, come detto "Liliana Segre - senatore a vita di nomina del Presidente della Repubblica - nata a Milano il 10 settembre 1930 - residente a Milano e imprenditore" è senatrice dal 19 gennaio 2018.

Ma l'ultima seduta del Senato della Repubblica, al momento, è quella del 9 gennaio 2018, tredici minuti di "Comunicazioni del presidente", necessari e sufficienti sostanzialmente per permettere a Grasso di annunciare lo scioglimento delle Camere, il subentro di un senatore e per qualche schermaglia procedurale.

Così, di fatto, Liliana Segre - senatrice, senatricissima - non ha ancora potuto scegliere a quale gruppo parlamentare aderire, non ha ancora potuto essere "annunciata" all'aula, non ha ancora potuto salutare i suoi neocolleghi, destinati a cambiare in gran parte fra pochi giorni. E non ha potuto assaggiare gli arancini.

Come una nuova figura giuridica, del tutto inedita nella storia della Repubblica: il senatore, sì, ma solo un po'.

Almeno fino al 23 marzo.

 

Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche
ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato