• Gelateria Concordia – V.le Italia, 699 – La Spezia
  • Ristorante Il Timone - Via degli ulivi ,29 - Portovenere (Sp)
  • Birrificio del Golfo (Birra - La Spezia) con Carlo Denei
  • Pasticceria Giubea - Via Cigala, 28 - Sarzana
  • Gelateria Lully - Via dei Mille, 100 - La Spezia
  • Fratelli Baldini - Via del Prione, 250 - La Spezia
  • Carrozzeria Esteticar - Via del Canaletto, 239 - La Spezia
  • Monika Cocozza – V.le Italia, 689 – La Spezia
  • Pasticceria Perla di Ameglio Fulvio, p.zza Staglieno 33 Levanto.
  • Gelateria Nina – V.le Italia, 617 – La Spezia
  • Cartolibreria di via dei Mille - La Spezia

Menchelli (Confartigianato): “Burocrazia e fisco, italia 128° posto nel mondo. Pressione fiscale +0,3 punti pil in ultimo anno, tax gap di 17,3 miliardi”

17 Gennaio 2020

“Rischiamo di affogare nel mare della burocrazia fiscale: serve uno shock fiscale e un Governo capace di attuare riforme strutturali che semplifichino la vita di imprese e cittadini. L’esame dei recenti dati relativi al bilancio pubblico diffusi dall’Istat conferma l’elevato livello della pressione fiscale associato ad una bassa crescita dell’economia italiana – spiega Giuseppe Menchelli, Direttore Confartigianato della Spezia - nella media degli ultimi quattro trimestri (quarto trimestre 2018-terzo trimestre 2019) il prelievo fiscale è salito dell’1,6% su base annua mentre, nello stesso periodo, il PIL nominale sale dello 0,9%. A seguito di tali andamenti la pressione fiscale si mantiene al 42,1% del PIL, in linea con il trimestre precedente, ma in salita di 0,3 punti rispetto al 41,8% rilevato un anno prima. In questo contesto la legge di bilancio 2020 delinea una prospettiva di politica fiscale insoddisfacente per il mondo delle imprese”.

Nel 2020 – prosegue la nota di Confartigianato - il carico fiscale calcolato dalla Commissione europea (tax burden) aggiornato nelle previsioni di autunno pubblicate lo scorso novembre è atteso sul 42,4% del PIL, in crescita di due decimi di punto rispetto al 42,2% del 2019. Il valore è superiore di un punto percentuale rispetto alla media dell’Eurozona, con un tax gap che vale 17,3 miliardi di euro di maggiore prelievo fiscale. L'Italia viene annoverato ai primi posti della classifica mondiale per complessità fiscale: ci sono imposte statali, regionali e comunali. Carte su carte portano l’Italia ad essere vittima di adempimenti su adempimenti fiscali dove non solo la pressione fiscale è elevata ma pagare le tasse ed essere in regola è una vera e propria giungla.

“I numeri parlano chiaro – prosegue Menchelli - tra i principali paesi dell’Unione europea il carico fiscale più alto per quest’anno si rileva in Francia dove è pari al 47,1% del PIL, seguita dall’Italia con il 42,4%, dalla Germania con il 41,5% e, a distanza, dalla Spagna con il 36,0%. Nel 2020 il carico fiscale diminuisce di 0,2 punti in Francia, di 0,1 punti in Germania mentre sale di 0,3 punti; nel complesso dell’Eurozona il carico fiscale rimane invariato. Anche la burocrazia fiscale rimane un fardello pesante per le imprese italiane. Secondo l’ultima rilevazione della Banca Mondiale l’Italia è al 128° posto nel mondo per pagamento delle imposte, con 238 ore necessarie per pagare le tasse di una impresa tipo, il 50% in più delle 159 ore della media Ocse; si tratta del ranking peggiore tra i dieci ambiti esaminati dalla rilevazione Doing business”

 

ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato
Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche