• Pasticceria Perla di Ameglio Fulvio, p.zza Staglieno 33 Levanto.
  • Pane e tulipani - Via Del Prione, 274 - La Spezia
  • Fratelli Baldini - Via del Prione, 250 - La Spezia
  • Birrificio del Golfo (Birra - La Spezia) con Carlo Denei
  • Enoteca di Via dei Mille .- La Spezia
  • Carrozzeria Esteticar - Via del Canaletto, 239 - La Spezia
  • Cartolibreria di via dei Mille - La Spezia
  • Pasticceria Armani - P.zza Concordia, 8 – La Spezia
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Pasticceria Giubea - Via Cigala, 28 - Sarzana
  • Il forno di Geramano di Renzetti e c. - Piazza Vittorio Emanuele, 5 -Varese Ligure (Sp)
  • Michelangelo Mancuso - Via Del Prione, 297 - La Spezia

Srl: via obbligo sindaci e revisori per le piccole imprese

24 Giugno 2019

Il presidente della Confartigianato spezzina, Paolo Figoli ha ringraziato a Roma il Presidente Nazionale Giorgio Merletti per l’attività sindacale svolta e per la vittoria sull’emendamento al Decreto Crescita, presentato dalla Lega, che modifica i parametri che fanno scattare l’obbligo di nomina dell’organo di controllo o del revisore nelle piccole imprese, portandoli a 6 milioni di attivo patrimoniale, 12 milioni di ricavi e 50 dipendenti.

La norma era contenuta nell’articolo 379 del dlgs 14/2019 (riforma della crisi d’impresa e dell’insolvenza), ed aveva modificato l’articolo 2477 del codice civile, introducendo l’obbligo di nominare l’organo di controllo (collegio sindacale) o il revisore nel caso in cui l’impresa superi per due anni consecutivi determinati limiti di fatturato e numero di occupati. In base a tale formulazione della norma, l’obbligo scattava quando per due anni consecutivi veniva superato almeno uno dei seguenti limiti: 2 milioni di euro di attivo stato patrimoniale (dai precedenti 8,8 milioni); 2 milioni di euro di ricavi (dai precedenti 4,4 milioni); 10 dipendenti occupati in media durante l’esercizio (dai precedenti 50). Tale provvedimento penalizzava nel nostro territorio attività di artigianato ma anche attività turistiche e pubblici esercizi. Per fortuna il Governo ha fatto marcia indietro.

“L’emendamento – ha sottolineato il Presidente Merletti – recepisce le nostre sollecitazioni a rispettare il principio di proporzionalità di adempimenti rispetto alle diverse dimensioni d’impresa, evitando di caricare i piccoli imprenditori di un pesante onere burocratico che non tiene conto delle reali condizioni economico-finanziarie in cui versano oggi le micro e piccole imprese. Con la conseguenza di provocare, oltre ad un aggravio dei costi, anche l’aumento del rischio d’insolvenza ogni volta che un sindaco o un revisore dovessero segnalare la presenza di un possibile stato di crisi”.
 

 

ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato
Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche