• Falagnameria Iannacone - Via greti di Durasca - Follo (Sp)
  • Pannucio Tende
  • Idea Donna - Piazza Cesare Battisti, 36 - La Spezia
  • Gelateria Riccardo - Via Manzoni, 26 -La Spezia
  • Pasticceria Armani - P.zza Concordia, 8 – La Spezia
  • Pasticceria Perla di Ameglio Fulvio, p.zza Staglieno 33 Levanto.
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Pane e tulipani - Via Del Prione, 274 - La Spezia
  • Cartolibreria di via dei Mille - La Spezia
  • L’Artigiano del Cioccolato - Via Nino Bixio, 46 - La Spezia
  • Pasticceria Gemmi - Via Mazzini - Sarzana (SP)
  • incontro
  • Monika Cocozza – V.le Italia, 689 – La Spezia

ABUSIVISMO – La phantom economy minaccia le piccole imprese. Allarme di Confartigianato

10 Settembre 2018

Quasi 4 milioni di ‘fantasmi’ si aggirano per l’Italia, invisibili per il fisco e per le leggi dello Stato, ma molto pericolosi per gli imprenditori e per tutta la nostra economia. Sono gli operatori abusivi che popolano il sommerso, quel mondo parallelo in cui non esistono regole e che produce danni ingenti alle casse dello Stato, alle imprese regolari, ai consumatori.

A denunciare il fenomeno è uno studio di Confartigianato secondo il quale l’economia sommersa è un fenomeno in crescita: in quattro anni il valore aggiunto creato dal lavoro irregolare è aumentato di quasi il 9% e il numero degli operatori abusivi è lievitato del 2,5%.

Una grave minaccia che si annida ovunque e colpisce soprattutto i piccoli imprenditori: secondo Confartigianato, infatti, sono 850.000 le aziende artigiane esposte ai pericoli della concorrenza sleale degli abusivi.

I settori più a rischio sono quelli delle costruzioni, dei servizi alla persona, dei trasporti e della ristorazione.

Abusivismo significa anche contraffazione. E Confartigianato mostra che il mercato dei falsi produce un danno di quasi 9 miliardi di euro per l’economia del nostro Paese. A risentirne maggiormente sono le imprese della moda e delle dei prodotti farmaceutici.

Le attività abusive e il sommerso non risparmiano nessuna regione d’Italia, ma nel Mezzogiorno il problema è decisamente più grave: la classifica territoriale vede infatti, Calabria, Campania e Sicilia nelle prime tre posizioni per il tasso più alto di lavoro irregolare, che supera la quota del 20 per cento del totale regionale.

 

ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato
Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche