• Ristorante Il Timone - Via degli ulivi ,29 - Portovenere (Sp)
  • Bar Caffetteria Butterfly – V.le Italia, 440 – La Spezia
  • Piper 2.0 Chic Cafè – P.zza Concordia, 5 - La Spezia
  • Pasticceria Gemmi - Via Mazzini - Sarzana (SP)
  • incontro
  • Enoteca di Via dei Mille .- La Spezia
  • Le Firme In - P.zza Concordia, 57 – La Spezia
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Carrozzeria Esteticar - Via del Canaletto, 239 - La Spezia
  • Pasticceria Perla di Ameglio Fulvio, p.zza Staglieno 33 Levanto.
  • Gelateria Concordia – V.le Italia, 699 – La Spezia
  • Gelateria Riccardo - Via Manzoni, 26 -La Spezia
  • Fratelli Baldini - Via del Prione, 250 - La Spezia

Rifiuti: regole e consigli per il deposito prima dello smaltimento

18 Febbraio 2018

Il deposito temporaneo dei rifiuti prodotti in un'azienda, pericolosi o non pericolosi, deve essere effettuato rispettando alcune precise disposizioni normative: in primo luogo, il deposito deve avvenire nel luogo stesso in cui gli stessi rifiuti sono prodotti e deve essere effettuato per categorie omogene, ovvero non è possibile la miscelazione di rifiuti diversi in uno stesso contenitore.

Ad esempio...
PILE E BATTERIE
- non lasciarle all’aperto ma depositarle al coperto;
- non romperle o forzarle, rimuovendone il contenuto;
- usare contenitori idonei antiacido.
OLI USATI, EMULSIONI, OLIO VEGETALE
- non lasciare l’olio all’aperto ma depositarlo al coperto;
- non rovesciarlo nell’ambiente;
- non mescolarlo con altre sostanze;
- utilizzare contenitori idonei alla raccolta di eventuali liquidi eventualmente fuoriusciti.
STRACCI SPORCHI
- non lasciarli all’aperto, depositarli al coperto
- non mescolarli con altri rifiuti;
- non mescolarli con stracci contenenti sostanze che potrebbero reagire;
- utilizzare cassoni o big bags.
IMBALLAGGI
- non mescolarli tra tipologie diverse (legno, cartone, plastica, ecc.);
- non mescolarli con altri rifiuti;
- utilizzare contenitori idonei;
- compattarli per occupare meno spazio.
RAEE ed APPARECCHIATURE ELETTRONICHE
- non danneggiarle (es. monitor o lampade);
- non mescolarli con altri rifiuti;
- tenerli suddivisi per tipologia.

Per le operazioni di allontanamento esistono due diverse possibilità, alternative tra di loro.
1° caso: effettuare l'allontanamento entro il termine massimo di tre mesi, indipendentemente dal quantitativo di rifiuti speciali presenti in azienda;
2° caso: raggruppare un quantitativo massimo di 30 metri cubi di rifiuti (di cui al massimo 10 metri cubi di rifiuti pericolosi); l'allontanamento deve essere effettuato comunque al massimo entro un anno dalla loro produzione.

Solo osservando queste condizioni, il deposito temporaneo non viene considerato deposito incontrollato, abbandono o discarica abusiva di rifiuti, eventualità che farebbero immediatamente scattare pesanti sanzioni, anche penali.

Informazioni
Ufficio Ambiente
Tel. 0187.286651-32
ambiente@confartigianato.laspezia.it

 

ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato
Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche