• Carrozzeria Esteticar - Via del Canaletto, 239 - La Spezia
  • Gelateria Concordia – V.le Italia, 699 – La Spezia
  • Pane e tulipani - Via Del Prione, 274 - La Spezia
  • incontro
  • Enoteca di Via dei Mille .- La Spezia
  • Pasticceria F.lli Montebello - Via Canaletto ,19 - Castelnuovo Magra (Sp)
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Il forno di Geramano di Renzetti e c. - Piazza Vittorio Emanuele, 5 -Varese Ligure (Sp)
  • Pasticceria Gemmi - Via Mazzini - Sarzana (SP)
  • Falagnameria Iannacone - Via greti di Durasca - Follo (Sp)
  • Gelateria Nina – V.le Italia, 617 – La Spezia
  • Ristorante Il Timone - Via degli ulivi ,29 - Portovenere (Sp)
  • La Pucceria - Via dei Mille, 103 - La Spezia

Nuovo ossigeno “verde” per l’edilizia ligure

07 Dicembre 2017

Firmate le linee guida per i prossimi bandi Por Fesr 2014-2020 sull’efficientamento energetico in Liguria. Mangano (Confartigianato Costruzioni): «Criteri che corrispondono alle esigenze delle nostre imprese e che garantiranno un’efficace riduzione di consumi»

Sottoscritte le linee guida per la definizione dei prossimi bandi Por Fesr 2014-2020 sull’efficientamento energetico dei Comuni liguri: i documenti sono stati firmati oggi nella sede della Regione Liguria, dalle amministrazioni e dai rappresentanti delle associazioni datoriali e sindacali.

Presente per la sottoscrizione Vito Mangano, presidente di Confartigianato Liguria Costruzioni: «I criteri di definizione dei prossimi bandi rispondono pienamente, come da noi richiesto, alle esigenze avanzate dalle imprese del territorio, soprattutto perché miglioreranno in maniera efficace le prestazioni energetiche degli immobili, con il fondamentale obiettivo di traguardare una riduzione dei consumi tale da garantire il passaggio almeno alla classe energetica immediatamente superiore rispetto a quella di partenza».

In base al documento siglato oggi tra le parti, i bandi saranno destinati a interventi per la riduzione del fabbisogno energetico di edifici pubblici, edilizia residenziale pubblica e per l’ammodernamento delle reti di illuminazione. Non potranno essere ammesse domande di contributo che prevedano interventi con investimenti inferiori a 500 mila euro. «Da sottolineare anche l’impatto che questi prossimi bandi avranno sul territorio – aggiunge Mangano – Le risorse a disposizione rappresenteranno un considerevole impulso alla crescita economica e occupazionale delle nostre imprese».

Con l’apertura dei bandi per l’efficientamento energetico, come precisa Mangano, «si apre un nuovo mercato in cui non si richiede uno storico alle imprese qualificate del settore, bensì la presenza radicata e stabile nel territorio per garantire una rapida operatività e soprattutto qualità nei lavori».

 

 

ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato
Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche