• Piper 2.0 Chic Cafè – P.zza Concordia, 5 - La Spezia
  • Gelateria Riccardo - Via Manzoni, 26 -La Spezia
  • La Pucceria - Via dei Mille, 103 - La Spezia
  • Calzolaio Carlo Panegos – Via Malaspina, 35 – La Spezia
  • Gelateria Nina – V.le Italia, 617 – La Spezia
  • Monika Cocozza – V.le Italia, 689 – La Spezia
  • Ristorante Il Timone - Via degli ulivi ,29 - Portovenere (Sp)
  • incontro
  • Pasticceria Gemmi - Via Mazzini - Sarzana (SP)
  • Fratelli Baldini - Via del Prione, 250 - La Spezia
  • L’Artigiano del Cioccolato - Via Nino Bixio, 46 - La Spezia
  • Falagnameria Iannacone - Via greti di Durasca - Follo (Sp)

Trasporto occasionale dei propri rifiuti speciali: obblighi e sanzioni

31 Ottobre 2017
Il trasporto occasionale dei propri rifiuti, anche non pericolosi, non può essere compiuto senza autorizzazione: "se l’azienda non vuole iscriversi all’Albo Gestori Ambientali deve rivolgersi alle imprese autorizzate" afferma Enrico Taponecco, responsabile dell'ufficio Ambiente di Confartigianato.

"Questa problematica è emersa più volte negli anni scorsi: ricordiamo ad esempio il caso di un trasporto di rifiuti provenienti da demolizioni edili con il sequesto di un autocarro perchè non provvisto della necessaria autorizzazione: la ditta proprietaria del mezzo non era iscritta all’Albo nazionale dei Gestori Ambientali e quindi si era configurato il reato di trasporto di rifiuti senza autorizzazione".
Il ricorso davanti al Tribunale - continua Enrico Taponecco - aveva inizialmente permesso il dissequestro del veicolo perchè secondo i giudici del Tribunale non si era davanti ad un trasporto senza autorizzazione ma ad un semplice illecito amministrativo sanabile con il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria."

Il ricorso in Cassazione contro la sentenza del Tribunale, ha invece poi annullato la precedente decisione, permettendo di chiarire che l'obbligo di iscrizione all'Albo nazionale Gestori Ambientali è previsto anche per le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, pericolosi (nel rispetto del limite giornaliero di 30 kgrammi o di 30 litri) e/o non pericolosi.

In particolare, la norma sul trasporto occasionale di rifiuti stabilisce sempre e comunque che le imprese debbano essere in possesso del titolo legittimante al loro trasporto: secondo la Corte di Cassazione, anche un solo trasporto di rifiuti da parte dell'impresa che li produce, senza autorizzazione, prevede l'applicazione delle sanzioni penali per il reato di trasporto illecito di rifiuti.

Informazioni
Ufficio Ambiente
Enrico Taponecco, tel. 0187.286632
Laura Canese, tel. 0187.286651
ambiente@confartigianato.laspezia.it

 

Formazione
Organizziamo corsi di formazione in diverse aree tematiche
ENERGIA
Pensi che la tua bolletta sia troppo cara?
Online
La formazione quando vuoi!
TG@web
Vai al canale YOUTUBE di Confartigianato